martedì 21 novembre 2017

Due nuovi restauri compiuti nel Museo della Collegiata


Il 2017 sta per concludersi, e per il Museo della Collegiata è stato un anno impegnativo e soddisfacente per la realizzazione di alcune importanti campagne di restauro e valorizzazione del nostro patrimonio culturale. 

Finezza di dettagli e dolcezza di colori
Sei già passato a vedere l'opera restaurata?
Anzitutto è rientrata nelle sale espositive, dopo un lungo intervento affidato alla ditta ICSA, l’Annunciazione attribuita ad Apollonio di Giovanni, notevole pittore e miniatore del Quattrocento fiorentino. Il restauro ha esaltato l’alta qualità dell’opera e la finezza dei dettagli, quali le ombre dell’equilibrata architettura, ispirata a celebri esempi del primo Rinascimento; i minuscoli capilettera miniati sul libriccino della Madonna; il Bambino Gesù che, tra il Padre e la colomba dello Spirito Santo, scende verso la Vergine, secondo una rara iconografia. L’operazione è stata resa possibile grazie ai proventi della vendita del libro “Castiglione Olona. Nella storia e nell’arte” di Eugenio Cazzani, ristampato grazie all’intuizione del rag. Flavio Limido e al contributo di CELSA. Questo restauro è stato anche oggetto di studio per un significativo gruppo di studenti dei progetti di Alternanza Scuola Lavoro attivi presso il Museo, provenienti dal Liceo Marie Curie di Tradate.

L'arco finalmente liberato dalle reti di protezione
Operazione più impegnativa è stata, invece, il restauro conservativo del portale e della torre di ingresso alla Rocca, progetto dell’arch. Ovidio Cazzola realizzato dalla ditta Gasparoli Restauri, con il quale si è provveduto ad una generale ripulitura dei materiali lapidei, al consolidamento e all’integrazione dei mattoni e dei conci. Si è così dato nuovo decoro all'accesso al complesso della Collegiata e nello stesso tempo si è valorizzato il significativo avanzo della rocca fortificata, posta a presidio strategico della sottostante valle dell'Olona, le cui prime notizie sicure risalgono all'XI secolo. Ciò che rimane racconta un'appassionante storia di lotte, assedi, distruzioni, alla quale il cardinale Branda Castiglioni aggiunse un capitolo essenziale quando, seicento anni fa, decise di costruire sulle sue rovine una nuova chiesa, quale fondamentale tassello della trasformazione del borgo di Castiglione Olona nella prima città ideale del Rinascimento italiano.

“Un altro passo importante è stato compiuto” dichiara il Direttore del Museo, Dario Poretti, “il ripristino delle zone di accesso al Museo restituiscono un’immagine rinnovata alla nostra ospitalità. Desideriamo continuare questo percorso: nei prossimi mesi presenteremo al pubblico questi interventi portati a compimento ed altri che abbiamo in animo di realizzare per il 2018”.

Vedrai che bello... il nostro oratorio!

Dodecalogo di applicazioni per un oratorio smart.
Allegorie 2.0



Candy Crush Saga è come il bar dell'oratorio. Pieno di caramelle colorate.
Spotify è come il coretto. Quando attacca, riempie l’ambiente di musica.
FCinterNews è come il Csi. Non vince mai.
Fifa18 è come il campetto. Ma vuoi mettere una partita sul campetto?
Game center è come il gruppo animatori. Una fonte inesauribile di giochi vecchi e nuovi.
Instagram è come la bacheca dell'oratorio. Ci ricorda le storie e i momenti.
Il Cestino è come il cestino. Pochi pensano a usarlo e solo dei santi provvedono a svuotarlo.
iBreviary è come la cappellina. Serve per pregare.
Whatsapp è come il corso fidanzati. Anzi, per fare i fidanzati
Trova iPhone è come la presenza del don. Tutti sono più tranquilli. Meno i fidanzatini.

Facebook è l'oratorio. Ve lo avevo già spiegato nel decalogosocial di #Glocal13.

Ma per dire in una parola il significato più vero è profondo dell'oratorio oggi non ho trovato un'applicazione che mi convinca,
quindi ho deciso di dirlo con il titolo di una trasmissione televisiva: "Tu sì que vales!".
L'oratorio oggi c'è proprio per questo: per dire ad ogni ragazzo e ragazza che vale molto agli occhi di Dio, 
l’oratorio è fatto di persone e non di applicazioni, di relazioni e non di contatti, ed è destinato a dire ad ognuno
che vale per quello che è, non per quello che sa, per quello che veste o per quello che dicono gli amici.


“Hai un valore infinito perché sei tu”: e questo, mei cari, non bastano i social a dimostrarvelo, al contrario, alla fin fine, un bell’oratorio dimostra che puoi stare bene anche senza cellulare.

domenica 5 novembre 2017

Prima giornata mondiale dei poveri

“Non amiamo a parole ma con i fatti”

Questa frase della prima lettera di Giovanni, introduce la nostra riflessione in questa prima Giornata Mondiale dei Poveri istituita da Papa Francesco al termine del Giubileo della Misericordia, come prosecuzione permanente di quell’evento straordinario.
La diocesi di Milano celebra questa giornata nella Solennità di Cristo Re e Giornata diocesana della Caritas, che quest’anno è il 5 novembre, in anticipo di due domeniche rispetto al rito Romano, per non sovrapporla all’Avvento.
San Francesco d’Assisi con la sua coraggiosa scelta di stare con i poveri facendosi uno di loro, ci indica la vera strada che siamo chiamati a percorrere come singoli e come Chiesa.
L’obiettivo sta nell’incontro personale con i poveri, nella condivisione con loro, in uno stile di vita che tenda loro la mano, li sappia guardare negli occhi, per uscire dalle nostre certezze e aprire le orecchie per ascoltarne il grido.
Per questo la nuova giornata è occasione per andare incontro ai poveri, per invitarli nella nostra comunità e nella nostra casa, non solo come persone bisognose ma come fratelli che ci possono accompagnare nella crescita come cristiani e come uomini, senza dimenticare che al fondamento di ciò sta sempre la preghiera, specialmente quella del Padre Nostro che è la preghiera dei poveri.

giovedì 5 ottobre 2017

Programma della festa patronale della Madonna del Rosario

Venerdì 6 ottobre ore 20:30 in chiesa parrocchiale adorazione eucaristica e celebrazione comunitaria della riconciliazione in preparazione alla festa patronale.

Sabato 7 ottobre ore 10:00 in Collegiata: Santa Messa di inizio anno catechistico nella memoria della Madonna del Rosario, sospesa santa messa delle ore 8:30.

Sabato 7 ottobre al termine della Santa Messa delle ore 18:00 è prevista l'inaugurazione della rinnovata cappella del Santo Crocifisso dietro al presbiterio della chiesa parrocchiale. 

Sabato 7 ottobre ore 21:00 concerto della corale parrocchiale Santa Cecilia in Collegiata.

Domenica 8 ottobre festa patronale della Madonna del Rosario. Ore 10:30 Santa Messa solenne con accoglienza nella comunità di una catecumena adulta che si prepara al battesimo. Invitate quarta e quinta elementare.
Ore 15:00 processione dalla madonnina del Careno (via Piave) fino alla chiesa parrocchiale. Percorso: vie Piave, Buonarroti, Conte Ludovico C.
Concerto del Corpo Musicale Santa Cecilia e Pesca di Beneficienza. 
Oggi ricorre l'anniversario della dedicazione della chiesa parrocchiale (1971). 

Lunedì 9 ottobre: ore 21:00 Santa Messa per i defunti, invitati i sacerdoti castiglionesi. Sospesa la Santa Messa delle ore 8:30.

mercoledì 4 ottobre 2017

Inaugurazione cappella del Santo Crocifisso e tre quadri restaurati

Sabato 07 ottobre in occasione della Festa patronale della Madonna del Rosario, al termine della Santa Messa vigiliare delle ore 18:00, verrà inaugurata la Cappella del Santo Crocifisso.
Collocata alle spalle del presbiterio della Chiesa parrocchiale, essa viene normalmente utilizzata per la messa feriale nei mesi invernali: lungo la scorsa estate è stata oggetto di una intelligente ed artistica risistemazione.

Si è scelto di intitolarla al Santo Crocefisso poiché ospiterà l’antica croce, un tempo sospesa sull’arco trionfale della Collegiata e rimossa a seguito dei restauri degli affreschi che portarono alla luce la scena della “dormitio virginis”.
La scultura lignea policroma è di autore ignoto, restaurata dal laboratorio della prof.ssa Pinin Brambilla Barcilon nel 2002, datata fine del XVI secolo, e ricavata da legno dolce mentre la policromia è eseguita con tecnica di colore a tempera grassa.

Lucia Laita intenta al restauro dei quadri e spolveratura del Crocifisso
Allo stesso tempo verrà anche svelato il restauro delle tele seicentesche che già ornavano la Cappella: l’ “Adorazione dei Magi”, copia da Carlo Dolci, il “Martirio di Santo Stefano” e il “Martirio di San Lorenzo”, ascrivibili alla scuola Daniele Crespi, quadri che presentavano notevoli depositi di polveri accumulate nei quarantasei anni trascorsi dal profondo restauro realizzato dalle Romite Ambrosiane del Sacro Monte di Varese. L'intervento dei mesi scorsi, affidato alla restauratrice Lucia Laita, si è concentrato su di un’asportazione dello sporco superficiale e sul trattamento contro gli attacchi delle muffe che ne compromettevano lo stato di conservazione. Si è scelto, infatti, di concerto con l’incaricata della Soprintendenza, dottoressa Ilaria Bruno, di mantenere il restauro pittorico svolto dalle monache nei primi anni ’70.

"Siamo stati guidati nella realizzazione di questi interventi da due riflessioni di papa Francesco pubblicate nel libro ‘La mia idea di arte’ - dichiara il Parroco, don Ambrogio Cortesi - anzitutto ‘L'arte nelle chiese è per l’evangelizzazione’, questa è la finalità che ci ha mosso. E ancora afferma il Papa ‘L'arte non scarta niente’: da oggi il crocefisso della Collegiata, accantonato per qualche anno al fine di non ostruire la visione degli affreschi di Masolino, ritorna alla finalità di culto per cui è stato intagliato, così come i tre quadroni secenteschi appena restaurati e nuovamente leggibili".

Questo riallestimento è stato reso possibile anche grazie all’impegno e alla generosità di alcuni volontari, professionisti e artigiani, cui va il ringraziamento di tutta la Comunità.

sabato 30 settembre 2017

Castiglione Olona ha fatto GOAL!

No, non ha segnato la squadra del cuore: “GOAL!” è l'acronimo di “Gruppo di Osservazione sull'Azzardo a livello Locale”.
Si tratta di un tavolo di associazioni e cittadini attivi nato su proposta della Caritas Parrocchiale di Castiglione Olona. Si pone l'obiettivo si sensibilizzare la cittadinanza sulla problematica del gioco d'azzardo, attraverso eventi informativi e iniziative volte a valorizzare il gioco come gratuità e incontro gioioso per le famiglie.

L'attività, iniziata nella scorsa primavera, ha portato ad aprire una sala di Giocatori Anonimi: un gruppo di auto-mutuo-aiuto in funzione tutti i giovedì sera nei locali del sottochiesa.

Ora si apre una nuova tappa di presentazione a tutti i castiglionesi per coinvolgere il maggior numero di persone attraverso la pratica dello slotmob: riunione di liberi cittadini presso un bar dove non è in vendita nessun tipo di gioco d'azzardo.

I momenti aggregativi saranno preparati da una riunione pubblica di informazione sul tema, che si terrà venerdì 13 ottobre alle 20:45 presso il castello del Monteruzzo.
Relatori:
  • Dott.ssa Daniela Capitanucci, fondatrice e past president dell'associazione “AND Azzardo e Nuove Dipendenze”.
  • Christophe Sanchez, capo di gabinetto del Sindaco di Bergamo G. Gori, estensore del regolamento comunale contro l'azzardo nella città di Bergamo.
Moderatore:
Marco Giovannelli, direttore di Varesenews.


Sabato 14 ottobre 2017 ore 10:00 primo slotmob presso bar Pagnoncelli via Cesare Battisti: torneo di calcio balilla e altri giochi.

venerdì 15 settembre 2017

Santa Messa di inizio anno scolastico e benedizione degli zaini degli alunni

La parrocchia Beata Vergine del Rosario in Castiglione Olona invita gli alunni di tutte le scuole di ogni ordine e grado a partecipare alla Santa Messa di inizio anno scolastico che si terrà domenica 17 settembre ore 10:30 in chiesa parrocchiale.
Gli alunni sono invitati a portare lo zaino o cartella pronti per il giorno seguente, che saranno benedetti durante la Santa Messa.
Vogliamo aiutare i piccoli a ringraziare per lo sforzo anche economico dei genitori e assumere un impegno di studio concreto e fattivo.
Nella stessa occasione, potremo anche conoscere tutti don Ugo Lorenzi che assume da oggi il servizio festivo nella nostra comunità.